Archivi del mese: agosto 2014

Le SugarBabes dettano verità.

La verità è che l’essere umano è portato a ripetere i propri errori. Come te la spieghi la Seconda Guerra Mondiale, ad esempio. Vico lo diceva, che la storia si ripete. A me Vico è sempre stato particolarmente sulle palle. Un tizio che si limita a dire ‘ma si, succedono sempre le stesse cose, decade dopo decade’, mi è sempre solo sembrato uno troppo pigro per sviluppare una filosofia complessa e troppo spaventato per porsi domande a cui non avrebbe mai trovato risposta.

Con il tempo, gli sto dando ragione. Mica è l’unico poi, a parlare di questa storia, che facciamo gli stessi errori cinque o sei volte per essere sicuri d’aver sbagliato bene. Mi pare pure Ligabue l’abbia detto, in una delle sue diciottomila canzoni. Per dire, se lo dice Ligabue, dicono tutti che dobbiamo crederci.

Il punto è che il problema non è ripetere la cazzata, rinciampare nella stessa buca , ricadere nella stessa merda. Perché si sa, certe volte le stesse sfighe ti ricapitano davanti senza che tu le vada necessariamente a cercare – capitano e basta, e se ti impantani nello stesso fango per sbaglio va pure bene, sei giustificato.

Il punto vero è che secondo me a noi esseri umani le tranvate ci piace proprio darcele. Forse vogliamo essere tutti scrittori, tutti poeti che si nutrono di stangate sui denti per far fiorire la propria tristissima e intensissima arte. Secondo me c’è del masochismo inconscio, nel rilanciarci dallo stesso trampolino quando sai che, una volta fatto il salto, non caschi nell’acqua, ma in una accoglievolissima distesa di scogli. Ma si, il sangue ci ricorda che siamo vivi (e si, pure questa è una storia trita e ritrita, che i Goo Goo Dolls avranno scopiazzato da qualche Big degli anni ’50).

Bene io sono qui a dirvi che la dobbiamo smettere di fare cazzate. Che se una volta va male, la seconda va male pure. Che le seconde chance sono un ottimo modo per alimentare questo nostro malsano bisogno di essere sicuri che ci siamo fatti male per bene, non solo ‘un po’. Perché essersi rotti tutti fa cool, essersi fratturati fa solo un po’ sfigati.

Io vado a dormire, ciao.

 

Annunci